web
stats
Il lavoratore dell'Ottocento e le casalinghe | Scienze Sociali - Org

Appunti Autore - Sociologia

Il lavoratore dell’Ottocento e le casalinghe

By  | 
Link Sponsorizzato

Leggendo, un dato numerico ha colpito la mia immaginazione e insieme mi ha fatto riflettere: nell’800, come prevedibile in base a quello che già sapevamo, la giornata lavorativa media era costituita da 84 ore di lavoro settimanali.

Se paragoniamo questa somma di ore a quella odierno, vediamo che anche chi è massimamente impegnato nella propria attività lavorativa, dispone di un’enormità di tempo libero in più dell’uomo del popolo di due secoli fa.

Parliamo di 6-8 ore in più di lavoro al giorno, praticamente quei poveri uomini dei nostri antenati, ma non i nobili né il clero, avevano solo il tempo di mangiare e dormire (poco).

Se aggiungiamo che i divertimenti che offriva un piccolo centro di provincia, un villaggio, all’uomo ottocentesco, capiamo bene che vivere era consumarsi in un lavoro sfiancante. Per trovare una condizione di lavoro perpetuo, a parte i nuovi schiavi del lavoro nero o schivile, come gli immigrati per il caporalato nel Meridione, dobbiamo portare in rilievo la figura della casalinga a tempo pieno.

Questa figura sociale, lungi dall’essere scomparsa, rappresenta il duro lavoro, ma soprattutto continuo: dal momento del risveglio, fino al dopocena inoltrato, molte delle richieste di assistenza e lavoro domestico passano per questa donna che incarna l’antica patriarcalità nei suoi ripetuti gesti di cura dei figli, dei nipoti e del consorte.

Io abito in una zona della Ciociaria, dove è evidente che la parità tra donne e uomini, tra donne che lavorano e casalinghe è in realtà una condizione assolutamente marginale.

La vera stakanovista della nostra era è ancora, tuttora, la mamma o nonna impegnata nei faticosi lavori domestici, soprattutto oberata dalle mille richieste che gli altri familiari pongono in essere nel corso della settimana. Verrebbe da richiedere una festa nazionale delle casalinghe, accanto a quella delle donne, per quanto queste persone del nostro tempo ricordano, con le dovute proporzioni di tempi e modi, gli antichi (relativamente) operai e contadini del secolo XIX.

Condividilo
Link Sponsorizzato

Roberto Di Molfetta, 1974, nativo di Salerno, da madre romana e padre di Ceccano (Frosinone), ha avuto parecchie città di residenza, ma deve la sua formazione soprattutto al periodo ventennale trascorso nel centro della Capitale. Laureato in Comunicazione alla Sapienza di Roma, si occupa ormai da anni di Web Marketing, ottimizzazione per i motori di ricerca e creazione di siti Web. Non dimentica però la sua passione per la sociologia, dalla quale è nato questo progetto scientifico. Poeta, sensibile, molto affezionato alla madre, è affascinato dalla conoscenza e dalla bellezza dell’Arte e della Natura, nonché dalla tenerezza degli animali. Ha fondato il progetto Appunti di Scienze Sociali nel luglio del 2004, originariamente su hosting gratuito poi divenuto appuntidiscienzesociali.it infine trasformatosi nell'attuale progetto www.scienzesociali.org Contatti: [email protected] - Sito Web: www.robertodimolfetta.it

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *