Seleziona una pagina

Ognuno di noi, in cuor suo, si sente padrone di se stesso. Nel pensare, ci poniamo come individui giudicanti la società. Il nostro ego, è fieramente determinante del suo pensare, per noi stessi. Mai ci porremmo in mente che siamo programmati.

Si, programmati dalla società in cui viviamo, come delle macchine. Anche i nostri sentimenti, è previsto che si accendano in base a determinati stimoli, per un certo tempo, in una certa maniera.

Basti pensare ai fattori di socializzazione: la scuola, la famiglia, sono variabili determinate dalla società che li plasma. Esse per prime ci spingono ad essere in una modo che è figlio del loro essere. Il discorso continua con i mass-media, con le istituzioni le cui leggi, i cui codici, decidono per noi cosa essere, nei nostri giorni. Insomma, dire che ci apparteniamo, è formalmente vero, nelle democrazie occidentali. Ma solo formalmente, perché in realtà siamo esseri umani programmati dalle nostre società, come fossimo dei robots.

Certo, la parte di libertà è notevole. Ma se a questa parte di libertà, togliamo quella libertà, anche essa parzialmente non reale, di acquistare, di scegliere tra prodotti e servizi su un mercato, cosa rimane ?
L’individuo è libero o è un consumatore, ad essere libero, già inquadrato nell’ottica del mercato capitalista di cui è parte integrante, come produttore lavoratore e consumatore, attore ?

Anche nel gesto di accendere una TV e vedere il nostro programma preferito, noi ci inseriamo in ricerche di mercato, che hanno determinato cosa verrà prodotto in TV, per quali investimenti, per quali piani di sviluppo politici ed economici. E l’ultima parola non spetta al consumatore, ma al produttore, che decide, tra molti sceneggiati, tra molte fiction, tra molti reality, cosa può essere mandato in onda.

E’ ovvio, che per fortuna, abbiamo un margine di libertà, un quid di inspiegabilmente potente che ci consente di uscire fuori dagli schemi, di decidere nonostante tutto. Ma è meno di quello che si pensa, ed è più di ciò che ci può salvare da una finta democrazia, che gioca con le nostre vite come il gatto fa con il topo.

Individui programmati dalla società

Roberto Di Molfetta

Roberto Di Molfetta, 1974, nativo di Salerno, da madre romana e padre di Ceccano (Frosinone), ha avuto parecchie città di residenza, ma deve la sua formazione soprattutto al periodo ventennale trascorso nel centro della Capitale.
Laureato in Comunicazione alla Sapienza di Roma, si occupa ormai da anni di Web Marketing, ottimizzazione per i motori di ricerca e creazione di siti Web. Non dimentica però la sua passione per la sociologia, dalla quale è nato questo progetto scientifico.
Ha fondato infatti il progetto Appunti di Scienze Sociali nel luglio del 2004, originariamente su hosting gratuito poi divenuto appuntidiscienzesociali.it infine trasformatosi nell'attuale progetto www.scienzesociali.org
Contatti: [email protected] - Sito Web: www.robertodimolfetta.it
Individui programmati dalla società

Latest posts by Roberto Di Molfetta (see all)

Dai un Voto!