Il carattere esistenziale delle norme

Il carattere esistenziale delle norme
Condividi

Il termine ontologia deriva dal greco òntos (essere) e lògos (discorso), ovvero “discorso sull’essere”, branca della filosofia che cerca di spiegare l’essere. Ma esiste realmente una norma? Le proposizioni normative non coincidono esplicitamente con le norme, poiché esse rappresentano un enunciato, ovvero una frase di senso compiuto che ha una struttura ben precisa di predicazione: soggetto + predicato. Se dicessi “Luca!!”, enuncerei una frase, ma non una proposizione. Nella frase “Luca mangia la pasta perché ha fame”, ci sono due proposizioni: “Luca mangia la pasta” e “perché ha fame”. Per dire, in modo razionale, che una norma esiste e che una proposizione normativa sia vera o falsa (ad esempio: “Luca deve mangiare”, è vera o falsa?) bisogna considerare diversi fatti Leggi di Più

Condividi

Sociosofia – Una introduzione

Sociosofia - Introduzione alla Teoria
Condividi

Sociosofia – Cosa significa ? Sociosofia non significa semplicemente una proposta di miglioramento. Non si tratta di una qualche riforma o di un’innovazione. La Sociosofia rappresenta il passaggio da un mondo che tramonta ad uno che sorge. Sulla Teoria di Mario Haussmann Essa è la transizione epocale dal mondo com’era finora, fatto di potere e della prevaricazione di un essere umano su un altro, ad un mondo di completa libertà e sovranità individuale, nel quale sia possibile la completa fioritura del potenziale insito in ogni essere umano. L’arrivo della Sociosofia rappresenta un evento di una portata inimmaginabile, per il quale non esistono paragoni in tutta la storia. La Sociosofia prepara questo evento straordinario insegnando come costruire nuove strutture e dinamiche Leggi di Più

Condividi

Michel Foucault | Sociologo Francese

Michel Foucault
Condividi

Vita di Michel Foucault Michel Foucault nacque a Poitiers in Francia nel 1926 e morì a Parigi nel 1984 all’età di 57 anni, a causa dell’AIDS. Fu un grande filosofo, sociologo, storico e saggista. I suoi genitori volevano che diventasse medico, per seguire le orme del padre e del nonno, ma già da bambino deluse le aspettative familiari e si dimostrò non interessato a quel campo. Nel 1940 venne mandato in un collegio di frati e ricevette, grazie alla madre, lezioni private di filosofia. Nel 1946 fu ammesso all’Ecole Normale Supérieure e studiò con Maurice Merlean-Ponty e con Louis Althusser. In quegli anni scoprì di essere omosessuale e, vivendo con disagio questa condizione, tentò per ben tre volte il suicidio Leggi di Più

Condividi