Il carattere esistenziale delle norme

Il carattere esistenziale delle norme
Condividi

Il termine ontologia deriva dal greco òntos (essere) e lògos (discorso), ovvero “discorso sull’essere”, branca della filosofia che cerca di spiegare l’essere. Ma esiste realmente una norma? Le proposizioni normative non coincidono esplicitamente con le norme, poiché esse rappresentano un enunciato, ovvero una frase di senso compiuto che ha una struttura ben precisa di predicazione: soggetto + predicato. Se dicessi “Luca!!”, enuncerei una frase, ma non una proposizione. Nella frase “Luca mangia la pasta perché ha fame”, ci sono due proposizioni: “Luca mangia la pasta” e “perché ha fame”. Per dire, in modo razionale, che una norma esiste e che una proposizione normativa sia vera o falsa (ad esempio: “Luca deve mangiare”, è vera o falsa?) bisogna considerare diversi fatti Leggi di Più

Condividi

Montesquieu | Filosofo Francese

Montesquieu
Condividi

Montesquieu – La biografia Charles-Louis de Secondant, barone di Montesquieu, nacque nel castello di La Brède a Bordeaux il 18 gennaio 1689, da famiglia discendente da protestanti convertiti e da padre magistrato. Rimasto orfano della mamma studiò in un collegio di oratoriani e poi presso l’Università di giurisprudenza di Parigi. Proprio a Bordeux iniziò la sua carriera politica, entrando a far parte del parlamento della città, dove lo si ricorda anche per aver fondato un’Accademia di scienze naturali, coltivando egli stesso, fin da giovane, una passione per questi studi.Nel 1726, a causa degli ingenti debiti, mise in vendita la sua carica nobiliare ricevuta dallo zio, conservandone il diritto ereditario. Nel 1715 sposava col rito cattolico Giovanna di Lartigues di ricca Leggi di Più

Condividi

Scienza Politica – Trattazione della disciplina

Scienza politica - Niccolò Machiavelli
Condividi

Scienza Politica: Interesse personale, interesse sociale Un possibile punto di vista per la scienza politica La Scienza Politica – Gli esseri umani, esseri viventi con peculiarità fisiche, psicologiche, cognitive considerabili per la loro presenza o assenza, riscontrabili mediante osservazione diretta, sono portatori di bisogni fisici, psicologici e di particolari esigenze volontarie. Nel vivere associato e nel suo sviluppo storico questi stessi bisogni trovano riconoscimento personale e sociale tramite istinti primordiali, desideri inconsci e volontà conscie, i quali, tutti, insieme formano volontà singolari e generali. Abbiamo volontà diverse per misura e rapporti differenti rispetto a contesti strutturali sociali da determinare qualitativamente e quantitivamente. Dalle spinte al soddisfacimento dei bisogni sopraconsiderati, e cioé le istanze fisiologiche, psicologiche e conscie, cioé dagli interessi Leggi di Più

Condividi