Jean Baudrillard | Sociologo Francese

Jean Baudrillard
Condividi

VITA di Jean Baudrillard Jean Baudrillard, filosofo e sociologo, nacque a Reims il 27 luglio 1929 da una famiglia di origini contadine. Dopo il liceo si trasferì a Parigi per frequentare l’Università di Sorbona, dove studiò lingua e letteratura tedesca. Dopo la laurea insegnò dal 1960 al 1966 in molti licei parigini. In questo periodo, iniziò a pubblicare recensioni di letteratura e a tradurre i lavori di autori come Peter Weiss, Bertolt Brecht, Karl Marx e Friedrich Engels. Fondò anche la rivista Utopie. Nel 1966 diventò assistente di Lefebvre e cominciò a lavorare all’Università di Parigi Nanterre, dove studiò contemporaneamente le lingue, la filosofia, la sociologia ed altre discipline. Nel 1966 fu nominato anche docente di sociologia. Nel 1986 divenne Leggi di Più

Condividi

Alain Touraine | Sociologo Francese

Alain Touraine
Condividi

Alain Touraine – Vita e Opere Alain Touraine nasce a Hermanville-sur-Mer il 3 agosto 1925. Ha studiato all’École Normale Superieure di Parigi, dove è divenuto poi docente. Nel biennio 1952-53 è stato Rockefeller Fellow presso le università di Harvard, Columbia e Chicago, mentre fino al 1959 è stato ricercatore presso il Conseil National de la Recherche Scientifique. Nel 1956 ha fondato il Centro di Ricerca di Sociologia del Lavoro all’università del Cile e nel 1958 il Laboratorio di Sociologia Industriale a Parigi. È stato anche direttore di ricerca all’école des Hautes Études en Sciences Sociales di Parigi. Le principali opere di Touraine tradotte in italiano sono: La società postindutriale, Il Mulino, Bologna, 1970; La produzione della società, Il Mulino, Bologna, Leggi di Più

Condividi

Essere imprenditori della propria felicità

imprenditori-della-propria-felicità
Condividi

Nell’epoca attuale, non vi è un preciso comportamento, che, tenendo conto delle variabili socio-demografiche, e delle proprie attitudini e preferenze, ci permetta di essere felici con ciò che siamo destinati ad avere. Un miriadi di comportamenti simili danno origini a situazioni di benessere diverse, dal disagio alla situazione di apparente felicità. Situazioni diverse, possono convergere verso una similarità di stati di appagamento. Non vi è un comportamento socialmente apprezzato, psicologicamente sostenibile, razionalmente progettabile, nella società ‘liquida’ di baumaniana memoria, che permetta di dire a sé stessi: “Se mi comporterò così, sarò felice, starò bene nella vita”; abbiamo tutti la sensazione che ciò che abbiamo ci possa essere tolto, dal governo, dagli altri, dalla Natura, persino dai propri cari (ad esempio Leggi di Più

Condividi