Come R-esistere al degrado ?

come resistere al degrado
Condividi

Comunicazione, spazi e simboli di Resilienza Urbana Introduzione “È importante sapere che le parole non muovono le montagne. Il lavoro, l’impegnativo lavoro muove le montagne”, così scriveva il grande sociologo e poeta Danilo Dolci. Proprio da questa celebre frase, vorrei porre grande attenzione ad uno dei processi che, secondo me, è uno strumento adatto per l’affronto, l’analisi e resistenza al degrado urbano, che oggi come non mai, impregna le nostre città, i nostri quartieri, ovvero: il lavoro socio-culturale delle associazioni. Un degrado che racchiude diverse dimensioni tra cui quello linguistico, sociale, economico e culturale. Lo strumento socio-culturale preso in esame, si converte in un vero e proprio mezzo di trasmissione, condivisione, partecipazione e comunicazione che si relaziona all’indifferenza, al degrado Leggi di Più

Condividi

Saskia Sassen e la “città globale”. Globalizzazione, economia, identità e cultura del lavoro.

Saskia Sassen
Condividi

Ne “La città nell’economia globale” (2004), Saskia Sassen analizza la “città globale”, un nuovo concetto teorico per studiare le città come luoghi di intersezione tra globale e locale, centro nodale per commerci, finanza, banche, dimostrando come molte metropoli mondiali si sono sviluppate all’interno dei mercati transnazionali e hanno similarità tra loro che con i rispettivi contesti regionali o nazionali. Le tecnologie informatiche contribuiscono alla concentrazione spaziale, giacchè rendono possibile la dispersione territoriale e l’integrazione di varie attività. Tali strutture tecnologiche si rendono disponibili e stimolano l’accentramento degli utenti più avanzati nei centri di telecomunicazioni più evoluti. Essi richiedono la produzione di servizi specializzati, un’infrastruttura di telecomunicazioni e la fornitura di servizi industriali. Le principali città sono quelle che servono e Leggi di Più

Condividi